Ricerca nella pagina:
 
Università del Salento, della Basilicata, di Catania,
di Torino, Scuola Normale Superiore di Pisa
Università del Salento, di Catania, di Napoli "L'Orientale",
di Salerno, Scuola Normale Superiore di Pisa
SALVIt - Studio, Archivio e Lessico dei Volgarizzamenti Italiani
Home » Banca dati » Indice degli incipit e degli explicit

Indice degli incipit e degli explicit

Tipologia testuale: prosa poesia
a
A lu altu et gluriusu principi segnuri Re Petru segundu, clarissimu re di Sichilia
Aquì schumpi lu libru di Valeriu Maximu. Deo Gratias. Amen
Ad memoria et ad reverencia di la gloriosissima passioni di lu nostru Signuri Iesu Christu
ad quam gloriam nos perducat qui cum Patre et Spiritu Santo vivit et regnat. Amen
Affliggiasi omni iornu pirfina ki di menti li passau omni temptacioni carnali
Et l’abati Apollo sintendu zo ki era factu si lu asdcuntrau et accustandu ad illu si
Al nome di Dio amen.[Qui] incomincia il libro che si chiama il «Dyalagho» [di santo Grigorio papa].
E cumplutu esti lu libru de sanctu Gregoriu, lu quali si intitula Lib[ru de lu] diala[gu] de sanctu Gregoriu
Aprit[e] orecchi
a godere il mondo eterno
Ave Maria, ki si' di lu chelu regina
infini ki in quistu mundu nui stamu
Ave, Virgini Maria, ki di gracia si' plina
e l'Angili beati a ti fannu memoria cum honor et gloria
b
Benedetto Tu Domedet Det nostro e Det delli patri nostri
Benedetto Tu Domedet che benedice lo popolo suo Israel in pace
c
Comensa la Cronica de sancto Isidoro menore con alcuni aditioni cacciate del texto et istorie de la Bibia e del libro de Paulo Orosio e de le passioni de li sancti
Quando l'anima de re Federico / alli vermi lassò lo corpo mendico; / passò de questo mondo in quella dia / che·sse fa la festa de santa Lucia. Deo gratias. Amen
Comu misser sanctu Iheronimu conforta li soy dixipili chi non changianu nè si attristanu
Iczà finixi lu libru di lu transitu et vita di misser sanctu Iheronimu
Cosma e Damiano, frati carnali, foru nati in la chitati di Egia
Et alcuni homini foru intandu a lu sepulcru di Mauru, ki li era minu di la carni di l'una coxa una grandi quantitati
Credo in uno Ideu, veru signuri
da li cochenti peni di lu infernu
d
Da za incumenza lu primu libru di Virgiliu, in lu quali si conteninu li fortuni ki Eneas passau in lu mari di Libia
Si kistu Nikide, in tucti li autri cosi li quali dichi di Eneas, si accorda cum lu excellenti poeta Virgiliu supra dictu
De caritate
et per natura di la cosa, ki pagura è più contrariu a fforza
De li miraculi li quali fichi lu eternu Deu in vita di sanctu Vicenciu di Valencia di lu or<dini> di sanctu Dominicu.
Et notati ki lu Signuri, medianti la fidi et la devocioni ki havi la persuna a li sancti soy, chi exaudi li loru oracioni et comu medianti la sancta fidi si fannu li miraculi.
Detto innella prima parte del libro de le tre cose principali ke s'ademandavano, ora seguita de dire in questo secondo tractato de li corpora celestiali
Respondo ke questo è per grande callideçça ke àne a consumare quella cotale humiditate, sì che non abisogna a loro come a li altri animali quadrupedi
Di li Sichiliani si legi chi su facili a lamintarisi et a quilli a li quali no(n) ponu suctamectiri si forczanu difamari
Di la vita et conversacioni di re Fidericu / Di la Epistola di Herrigu eremita a re Robertu
Di tramuntana l’aquila putenti
Cussì à hordinatu la superna Xorti
Dissi Yiremiya lu prufetu a Yishra’el sobra che passaro Yishra’el sobra la Tora shebiktav e sobra la Tora shebe‘al pe.
Eccu chistu scancerò e acchetterò la sintencia mala e dura e li trabutti disobra de vui ca cun chistu a volentà dittu di Adonai
Diva Elicona che sempre piatosa / esser solivi con quil sacro choro
gloria di greci et gran miravilgia / de noi latini et d'ogni altra familgia
e
E scesi Mošèh de lu monti a lu populu e dissi ad issi
e li re gherjjanu chillu averi loru de li fili de li omini, e lu štaricamentu veni a lu mundu
El citron è un fruto asà noto, el quale ven chiamado in greco pomo de aqua
Quando i cavilli ven brusé, la soa vertù sì se fa simele a la vertù de la lana brusà, çoè a dire che li scalda, e sì desecca cum forte exiccatiom e callefactiom
Essendu natu un grandi erruri intra la cristianitati
Kista festa si celebra a li novi iorni di novembru
et di kistj di li 9 sindi avi parlatu di supra
et kista aq(ua) fa dissolvirj (et) mollifica om(n)j corpu (et) ritenp(era) o(mn)j sp(irit)u
Et lu gloriusu apostolu, in lu supradictu parlari, chi dà una maraviglusa doctrina et amaystramentu parlandu inversu di li divoti animi
Finis, Deo gratias. Quista è una opera in brevi parlari a oy veru composta, la quali fichi santu Bernardinu per amaystramentu et doctrina di li animi divoti e fidili
f
Fu uno monaco desideranti Dio et di li soy maraviglusi (cosi) ki sunnu nel mundu
Figlu del Re, miser Iesu Cristu, al quali sia gloria et hunuri per infinita secula
g
Gallo mio, il quale io tengo multo caro amico
Lo imperatore vegendolo venire da la longi fre...
i
Ideu ti salvi, o di lu mari stella
su tre et unu in equalitati, uno solo Deu, una summa bontati
In lu nomu di lu Signuri nostru Iesu Christu Amen. Incomenza la forma di vita di l'animi di li soru poviri facta per sanctu Francisco
et per quistu si canuxirà oy sapirà diviri incurriri la indignationi di Deo omnipotenti et di li beati soi apostoli Petru et Paulu
In nomine Patris et Filii et Spiritus sancti Amen. La epistola di lu nostru Signuri Iesu Cristu
Cui cherca et voli truvari lu nostru Signuri Iesu Cristu, ipsu avirà parti cun illu in vita eterna
In ordini ad vestiri
Si illa è soru, primu vasa la manu all’assistenti e simiime
In primis si tracta lu acquistamentu di lu Regno di Sichilia factu per Archadiu depoy di la rebellioni di Maniachi in lo Regno
havuta la victoria di Sardigna, successi re Ferdinando di Aragona. A li m° cccc° xxviij° vij° indicionis
In quillo dì chi regnava Ruben
Sia benedicto lo nomi di dio, qui à magnifestato la sua santitati a ctuctu lo popolo d'Istrael. Amen
Inclita nostra vera chitatina
per lu dittu vostru d’Oliveri Antoni
Incomensa la translacioni di la gloriosa virgini madonna santa Agatha, di Constatinopulj ad la clarissima sua chitati di Cathania
A li milli et quattruchentu anni currendu / septantachincu di lu Salvatori, / chi si incarnau per nui, lu chelu aprendu / chi era chiusu per lu primu errori, / complita fu la ystoria, nuy avendo / vintisey di novembre, a li tri huri / di notti di la nona
Incomenza lu proemiu. Asculta, figlu, li precetti di lu to maistru et inclina l’urichi di lu to cori, e volunterimenti intendi l'ammonitioni di lu to piatusu patri
e tandu finalmenti, deffendenduti Diu, perverrai a li chui alti culmi di dotrina e di li virtuti, chi havimu supra declaratu. Amen. Finixi la regula di santu Benedittu abbati. Laus Deo
Incominciasi il libro de' vizî e delle virtudi e delle loro battaglie e ammonimenti. Ponsi in prima il lamento del fattore dell'opera onde questo libro nasce
e disse: "Confermiti Idio onipotente, Bono Giamboni, nella sua santissima grazia e riempiati de' preziosi doni dello Spirito Santo, sicché s'accenda e 'nfiammi l'animo tuoi nel suo amore, e facce per via delle virtudi tutte le tue operationi i
Inprimis veni la monaca chi si voli fari, a li scaluni di lu altaru di la ecclesia
et poy ki su dicti, chi fa la benedictioni: Domine Deus noster pastor bonus
Intandu pir li piccati noštri
fabrica li muragi di Yerušalayim
Io Boetio, lu quale quaindereto scì compusci i versi delectavili con uno bellu studiu, da dolere è, io plagevele so conestrictu comensare tristi versi
Dixe: scì o no alcuna cosa mancare ad ti ha ingandata mi philosophia, per la quale cosa la infirmitate delle turbationi et paxioni scia intratu nellu tou animu como la fortecze
k
Kista è la Regula a lu modu di viviri di li frati et soru di la Penitencia
ancora ogi per la gracia nostra di libertati e per li merit
Kistu parla comu li angeli andaru per la nostra saluti et comu si incarnau lu Figlu di Deu vinutu per la misericordia
dichendu Christu esseri Figlu di Deu et esseri resursitatu di la morti et muntatu in chelu. Et divi viniri
kistu…parla bla(sfemandu)…kui pote las(s)i(are) li pik(kati)
si ma(ra)f(i)ľľare (?) tu(tti) e gro(lificare?) a< d>deu dić(endu) ki ģģamái kkusí vítimu
l
La gracia di la sancta Trinitati sia sempri cum la cristianitati e cum nuy peccatori, si ad illa plachi
Per Dominum nostrum Ihesum Christum, Filium tuum, qui tecum vivit et regnat in unitate Spiritus Sancti, Deus, per omnia secula seculorum. Ave Maria et sequitur letania
La humana generaciom e la çente de questo mondo si desiderano assai naturalmente de ordire nuove coxe
e differencie da le creature rasonevele che sono e hanno conversatione in terra. Veramente le creature an
Li festi comandati di chasquidunu annu
Item la sancta Quadragesima tucta
Li gloriusi et sancti docturi
non sentirà may peni di lu infernu
Li Panhormitani per questo demonstrano una eximia leticia cum festi
et quilli cosi spero diviri essiri chascun tempo non appariranno ingrati a li nostri conterranei
Lo primo bagno dicese   Sudaturo per nomo
Placciave, Napolitan, rengraciare / Chillo che scripsi, & chi llo fece fare
Lu incuminzamentu di sciencia esti a timiri Deu nostru Signuri
La nostra parola sia tuctu tempu graciusa et sapurita di sali, zo esti a diri ki sia dicta saviamenti. Explicit liber
Lu primo bangno dicese  Sudaturu per nomu
Vate in Agusto, povero    may non vide civelli: / Recordete de me de tal consigllo / Ch’eo possa scrivere l’acte de to figllo
m
Martino quasi martiro tenente
informazione mancante
Miktam le-Dawid Guarda mi Domedet che esperai enti [Sal 16,1]: Etu Domedet escudo ammi onore mio ennalzatore dellocapo [Sal 3,4].
Eco locli deDomede(d) [t] alitementi soi aqveli keano speranza allamesericordia soa [Sal 33,18]: Torna Domedet fin kvando erapnitit (?) per liservi Toi [Sal 90,13] escolta Domedet ecco redoglia mi Domedet sii aiutatore ami [Sal 30,11].
Misericordia, eternu Deu, / pachi, pachi, Signuri meu
ki quista sentencia ria / di nui levi tal duluri
o
O celsitudo, o lume, o claritade
P(er) fin che vene el tempo de morire
O Patri nostru, omnipotenti Ideu
libera et guarda ad nui di ogni mali
O signurj per cortesia mandami la liprosia
kj mi creasti a tua dilecta e eu t’aiu mortu a villania
Ordine dell'annullamento delle maledizioni: Sciolti siano tutti scomuniche. Chi ha benedetto: Chi ha benedetto ’Avraham YiîÊaq. Commemorazione delle anime dei defunti: Commemora il Dio
Ordine dell'annullamento delle maledizioni: maledizioni che avessero posti essi. Chi ha benedetto: li figli maschi che si occuperanno della Tora. Commemorazione delle anime dei defunti: buon guadagno
Ordo confessionis virorum
eu da parti di Deu ti promictu vita eterna
p
Primo capitulu undi foro quisti normandi li quali conquestaro Sichilia
Et qui de hoc opere capiet fructum, Deum laudet et per compilationem oret ut orantem et oratum salvos Deus perducat ad Regnum beatum. Amen
Primu comandamentu. Lu primu comandamentu ki Deu coma[n]dau si è quistu
Undi est la vita eternali in secula seculorum
PRIMU COMANDAMENTU. Lu primu comandamentu ki Deu coma[n]dau si è quistu: «Tu non adorerai diversi dei»
finirò mia materia ad honuri et gloria di lu nostru Signuri a cui sia tantu honuri et ki ni mina in sua compagnia, undi est la vita eternali in secula seculorum. Amen. DEO GRATIAS. AMEN. FINITO LIBRO LAUDETUR MARIA VIRGO
q
Qisti caselli yo vogliu pir arricordari
Ke facisti li cieli e la terra
Qui comincia la verace Storia del San Gradale sì come voi troverete avante. Colui che lla segnoria e l'alteza di sì alta storia com'è quella de•San Gradale metterà in iscritta per lo comandamento del grande Maestro, manda primieramente salute a tuti color
Or ascolta: tu vedesti del tuo nipote uscire uno grande lago e di quel lago uscivano VIIII fiumi, sì erano gl'otto pari tutti d'uno grande e d'uno sembiante, e 'l nono ch'era di dietro surgeva altresì grande e altresì bello [...] (c 71v)
Qui fai anima predata?
e in benj perseverare pruviray la humilitati
Quisti su li benediccioni di la mensa di li sacrati monaki di sanctu Benedictu
In nomine Patris et Filii et Spiritus Sancti. Amen. Et andati a tavula in nomine Domini
s
Se mai de Latona el sacro filgio / condusse la barchecta del mio ingengio
Da quisti versi il nome saperai, / ad cui posta, et perché facto sarrai
t
Tavola de tucti remedij et medicamenti
Da’ ad bevere la rasura de la yliemia / ad li cavalli et cany arrabiati et sananose
Tenendosi li iorni passati, o multo excellenti, et mio singular Signori, un general parlamento ne la precarissima cità di Cathania
la nostra mobilissima cità di Missina sempre nanti l’ochy happi , ha et havirà in perpetuum, in eternum et in siculorum secula. Amen
Tuto questo che nuy dixemo mondo e cielo, è una cossa e cum un çircuito comprende si et lo universo ma è differente per le parte: unde nasse el sol fi dito oriente over nassimento, dove fy submerso occidente oveer occaso, dove el discorre mezodì
Oltra è colonia e lo fiume Gna et unde principiassemo Ampelusia monte, destendandosse in lo Nostro mar, è termino de questa opera e del lido Athlantico. Deo gracias. Amen
u
Uno usuraio compunt[o] ad contricione
«Traymi uno occulo, adzò che lo avaro li sya cavato tocti dui». Et quisto
Urbis Romae exterarumque gentium facta simul ac dicta memoratu digna, quae apud alios latius diffusa sunt, quam ut breviter cognosci possint, ab inlustribus electa auctoribus digerere constitui
quem a M. Antonio interemptum luce clarius erat, quamquam paene totius orientis civitatum et gentium credula suffragatione fultum caput imperio dementer inminens iustoinpedere supplicio coegit
v
Venerabili e eccelentissimi signori. Per plu rascioni evidenti e cosa chiara e manifesto. Che larepresentaziona mia in questo maqom qadosh [luogo santo] e molto inquetante e onne lalteri arrecorderemo solo questa una.
e che per lo zekut [merito] di questa haqbalat pene shekina [accoglienza della presenza divina] che lo simo stati maqbilim [accolto] oggi in questo devar halaka [studio della legge] che ci sia mosi mishihabud malkiyyot [liberatore dalla schiavitù sotto gl
Viamo el vedere che quando harà guatato ne le luxe forte, fortemente si dolerà per quelle e harà nocumento: e quando lo aspitiente arà guatato nel corpo del sole, no poterà bene guatare in esso
che semprema advenghono o in magiore parte e basta in queste che noi habiamo de bisogno dela deceptione, dele quale la cagione fia la riflessione. Ora terminiamo questo tratato el quale è fine delo libro et così gratia amisere Domenedio. Amen
Virgin Mater pia, omni unu si inclina a ti devotamenti
et facti digni di l’aurichi benigni di lu to dulci figlol, Virgini pia
Virgini santa, Virgini immacolata
mia divotioni e mei pregheri