Ricerca nella pagina:
 
Università del Salento, della Basilicata, di Catania,
di Torino, Scuola Normale Superiore di Pisa
Università del Salento, di Catania, di Napoli "L'Orientale",
di Salerno, Scuola Normale Superiore di Pisa
SALVIt - Studio, Archivio e Lessico dei Volgarizzamenti Italiani

Anonimo

(? - ?)

Munti di la santissima oracioni (inc.)

di Caterina Garozzo

Notizie generali

Traduzione di:
Anonimo, Monte dell'orazione (toscano)

Datazione: sec. XV
Lingua/Dialetto: siciliano
Tipologia testuale: prosa
Genere: letteratura religiosa: orazionale
Incipit: Fu uno monaco desideranti Dio et di li soy maraviglusi (cosi) ki sunnu nel mundu
Explicit: Figlu del Re, miser Iesu Cristu, al quali sia gloria et hunuri per infinita secula
Per il quadro completo delle varianti degli incipit vd. Tradizione diretta: manoscritti e Tradizione diretta: edizioni antiche.


Tradizione dell'opera   (breve / estesa)
Tradizione diretta: manoscritti (1)
1. Palermo, Biblioteca Comunale, 2 Qq E 19 = Pa BC 2 Qq E 19

Indice della scheda


Storia della tradizione
Tradito da un unico manoscritto, il Munti di la santissima oracioni è la trascrizione in volgare siciliano di un testo toscano: il Monte dell'orazione. Il codice che lo contiene è oggi conservato presso la Biblioteca Comunale di Palermo sotto la segnatura 2 Qq E 19. Domenico Schiavo, probabile primo possessore del codice, pubblica il brano conclusivo corrispondente ai paragrafi 21.28-29; Di Marzo 1864 trascrive un breve estratto corrispondente ai paragrafi 1. 1 29; Di Giovanni pubblica i paragrafi 21. 2-4 e 21-29.
Del testo, trasmessoci da un apografo quattrocentesco, esiste un’edizione di riferimento curata da Casapullo 1995b, da cui sono tratte le informazioni della scheda.

Indice della scheda


Bibliografia
Edizione/i di riferimento
Casapullo 1995b = Munti della Santissima Oracioni, a cura di Rosa Casapullo, Palermo, CSFLS, Collezione di testi siciliani dei sec. XIV-XV.

Edizioni significative
Casapullo 1993 = Sul «Monte dell’orazione»: tradizione caratterizzante e geosinonimie, in Trovato 1993, pp. 219-267.

Altre edizioni
Bruni 1993 = Note sull’Ossevanza quattrocentesca come problema di storiografia e di storiografia linguistica, in Trovato 1993, pp. 209-218.

Di Marzo 1864 = Delle origini e vicende di Palermo di Pietro Ransano e dell’èntrata di re Alfonso in Napoli, scritture siciliane del sec. XV pubblicate e illustrate su codici della comunale di Palermo da Gioacchino di Marzo, Palermo, Lorsneider, 1864.

Altra bibliografia
Bruni 1980 = Francesco Bruni, La cultura e la prosa volgare nel ‘300 e nel ‘400, in Storia della Sicilia, diretta da Rosario Romeo, Palermo, Società editrice Storia di Napoli, del Mezzogiorno e della Sicilia, IV, 1980, pp. 181-279.

Bruni 1990 = Dalle origini al Trecento, a cura di Francesco Bruni, in Storia della civiltà letteraria italiana, diretta da G. Bàrberi-Squarotti, I, Torino, Utet, 1990.

De Luca 1954 = Prosatori minori del Trecento, I. Scrittori di religione, a cura di Giuseppe De Luca, Milano-Napoli, Ricciardi, 1954 (La letteratura italiana, 12).

Di Girolamo 1986 = Volgare e movimenti religiosi in Sicilia nel Quattrocento, a cura di Costanzo Di Girolamo, «Bollettino del Centro di Studi Filologici e Linguistici Siciliani», 15 (1986), pp..

Librandi 1993 = Rita Librandi, L’italiano nella comunicazione della Chiesa e nella diffusione  della  cultura religiosa, in SLIE III (1993), pp. 335-381.

Indice della scheda