Ricerca nella pagina:
 
UniversitÓ del Salento, della Basilicata, di Catania,
di Torino, Scuola Normale Superiore di Pisa
UniversitÓ del Salento, di Catania, di Napoli "L'Orientale",
di Salerno, Scuola Normale Superiore di Pisa
SALVIt - Studio, Archivio e Lessico dei Volgarizzamenti Italiani

Matteo (pseudo)

(? - ?)

Liber de ortu beatae Mariae et infantia Salvatoris
(Altri titoli: Vangelo dello pseudo-Matteo; Pseudo-Matteo; Pseudo-Matthaei Evangelium)

di Cristina Scarpino

Notizie generali

Volgarizzamenti parziali:
Anonimo, Liber de ortu beatae Mariae (volg. lucano) (lucano)

Datazione: sec. V
Lingua/Dialetto: latino
Tipologia testuale: prosa
Genere: letteratura religiosa: vangeli (canonici e apocrifi)

Il Liber de ortu beatae Mariae è un vangelo apocrifo latino appartenente al gruppo dei testi sull’infanzia di Maria e di Gesù.
Sulla datazione la bibliografia non è unanime: vi sono oscillazioni che vanno dal IV al IX secolo, con una vasta gamma di date intermedie (DOC I, p. 609, riporta «4 saec; 8/9 saec.»; nella scheda si segue invece la datazione di Tischendorf).

In alcuni manoscritti il testo viene presentato come la versione latina del testo originale del Vangelo canonico di Matteo, secondo  una tradizione che lo vuole scritto in ebraico e poi tradotto in latino da san Gerolamo: Liber de ortu beatae Mariae et infantia Savlatoris a beato Matthaeo evangelista hebraice scriptum et a beato Hieronymo in latinum translatus (DOC I, p. 609). In realtà, l’opera è il riadattamento latino dei materiali contenuti nel Protovangelo di Giacomo e nel Vangelo dell’infanzia di Tommaso, apocrifi greci databili al II secolo (cfr. Moraldi 1996 e NDPAC 3, s. v. vangeli apocrifi).

I principali manoscritti impiegati nella ricostituzione del testo sono comunemente noti con la seguente siglatura: A (sec. XV), B (sec. XIV), C (sec. XIV), D (sec. XV), M (sec. XII), Ar (sec. XIV), Her (sec. XIII, seconda metà); per le descrizioni dei codici si rinvia ai rispettivi luoghi di Gijsel-Beyers 1997.

La prima edizione critica dell’opera si deve a Thilo 1832 ed è basata sul codice C mentre l’edizione corrente del testo latino è quella curata da Tischendorf 1876, capp. I-XII, pp. 54-75, che predilige il codice A. Ancora a Tischendorf è dovuto il titolo Vangelo dello pseudo-Matteo o Pseudo-Matteo, mentre la dicitura Liber de ortu beatae Mariae et infantia Salvatoris è medievale.