Ricerca nella pagina:
 
UniversitÓ del Salento, della Basilicata, di Catania,
di Torino, Scuola Normale Superiore di Pisa
UniversitÓ del Salento, di Catania, di Napoli "L'Orientale",
di Salerno, Scuola Normale Superiore di Pisa
SALVIt - Studio, Archivio e Lessico dei Volgarizzamenti Italiani

Anonimo

(? - ?)

Mariale magnum

di Cristina Scarpino

Notizie generali

Volgarizzamenti parziali:
Anonimo, Exempla varia (lucano)

Datazione: 1187/1247
Lingua/Dialetto: latino
Tipologia testuale: prosa
Genere: exemplum
Con la dicitura Mariale magnum s'intende comunemente una raccolta di miracoli della Vergine (Le Goff 1984, p. 152, da cui si è tratta anche la datazione dell'opera riportata nella scheda).

La genesi del testo è ignota ed enigmatica: l’opera è stata variamente collegata al domenicano Vincenzo di Beauvais (che dichiara di aver desunto la prima parte della sua raccolta – lo Speculum Historiale – proprio ex Mariale magno; cfr. Andricciola 2005, p. 15), al chierico normanno Gautier de Coincy, al francescano Gil de Zamora, a John of Garland e ad altri, che probabilmente la assorbono nelle proprie opere o ne traggono semplicemente ispirazione (cfr. Barré 1966, Marchand 1998, Swietek 1983; sui Mariali medievali e le loro fonti si veda anche Andricciola 2005, pp. 13-17, e, in questa stessa banca dati, la scheda Le Miracoli de la biata Virgine Maria).