Ricerca nella pagina:
 
UniversitÓ del Salento, della Basilicata, di Catania,
di Torino, Scuola Normale Superiore di Pisa
UniversitÓ del Salento, di Catania, di Napoli "L'Orientale",
di Salerno, Scuola Normale Superiore di Pisa
SALVIt - Studio, Archivio e Lessico dei Volgarizzamenti Italiani

Soffredi del Grazia

(Pistoia, 1240 circa - 1297 post)

Liber de amore et dilectione Dei et proximi et aliarum rerum et de forma vite (redaz.)

di Giulio Vaccaro

Notizie generali

Volgarizzamento di:
Albertano da Brescia, Liber de amore et dilectione Dei et proximi et aliarum rerum et de forma vite (latino)

Datazione: 1275
Lingua/Dialetto: pistoiese
Tipologia testuale: prosa
Genere: filosofia: ammaestramenti


Tradizione dell'opera   (breve / estesa)
Tradizione diretta: manoscritti (2)
1. Pistoia, Biblioteca Comunale Forteguerriana, A 53 = Pt BC A 53

2. Roma, Biblioteca dell'Accademia Nazionale dei Lincei e Corsiniana, Rossi, 69 (44 D 69) = Rm BANLC Rossi 69 (44 D 69)

Indice della scheda


Storia della tradizione
Il volgarizzamento dei tre trattati di Albertano (De amore et dilectione Dei et proximi et aliarum rerum et de forma vite, De arte loquendi et tacendi, Liber consolationis et consilii) del pistoiese Soffredi del Grazia va collocato in area francese (così come la pressoché coeva versione di Andrea da Grosseto, realizzata a Parigi nel 1268), a Provins, nel 1275 (è Zaccagnini 1916 a chiarire definitivamente, sulle orme del Torraca, questo punto). Il manoscritto Pt BC A 53 (su cui si fondano tutte le edizioni dell'opera), prodotto di area linguistica pistoiese, in quanto copiato dal notaio pistoiese Lanfranco di Ser Jacopo Del Bene, viene scoperto dall'abate Sebastiano Ciampi, che ne fornisce una sommaria notizia nell'appendice alla sua opera su Cino da Pistoia (Ciampi 1808), e contiene il volgarizzamento di tutti e tre i trattati (anche se il volgarizzamento del Liber de amore et dilectione Dei è mutilo). Inoltre, non pare inutile ricordare che nel codice pistoiese, oltre alla mano del già citato notaio Lanfranco che esempla il testo, ci sono dei titoli a margine di altra mano, ormai sbiaditi o erasi, che originariamente servirono come guida per i titoli riportati dalle rubriche; il Ciampi, suffragato dai periti Gaetano e Brunone Giarrè, identifica questa mano con quella di Soffredi stesso, attraverso il confronto con la firma di quest’ultimo in un rogito notarile riportato alle pp. 48-49 dell’edizione da lui curata (in fondo alla quale è inoltre pubblicato un fac-simile di tale firma). L'edizione Ciampi 1832 comprende tutti e tre i trattati ma, basandosi sul solo ms. pistoiese, che si interrompe alla c. 40 con le parole «Echi allialtri insegna / semedesmo Amaestra . / Emarcialle disse / ellie modo dimparare», pubblica, per forza di cose, praticamente solo il primo capitolo del volgarizzamento del Liber de amore et dilectione Dei. I volgarizzamenti da Albertano di Soffredi del Grazia vengono riediti alla fine dell’Ottocento da Rolin 1898, ma questa seconda edizione peggiora in molti passi la lezione (le divergenze sono comunque segnalate alle pp. LXX-XCIII) proposta dal Ciampi: quest’ultima, pur difettando talvolta nella lettura e nell’interpunzione, e adottando talvolta semplificazioni grafiche discutibili, ma di ampio uso nella prassi ecdotica dell’epoca, è latrice, nel complesso, di una buona lezione, sia sotto il profilo testuale, sia sotto il profilo linguistico, compattamente pistoiese (per una disamina dei tratti linguistici cfr. Rolin 1898, pp. IX-LXIII). Secondo Petrucci A. 1977, p. 36, esisterebbe anche un secondo manoscritto latore della versione di Soffredi (Rm BANLC Rossi 69), che invece per Faleri 2000, p. II, andrebbe collegato alla versione Bargiacchi dei volgarizzamenti di Albertano (per i quali si vedano le schede De doctrina loquendi et tacendi (volg. pisano), Liber consolationis et consilii (volg. pisano), Liber de amore et dilectione Dei et proximi et aliarum rerum et de forma vite (volg. pisano)). Ancora in Faleri 2000, p. II si avanza la possibilità che la versione del De amore et dilectione Dei di Soffredi coincida con quella (altrimenti anonima) tràdita dal cosiddetto "codice Barbi" (Fi BNC II VIII 49), possibilità espressa, in altro modo, già da Barbi 1901: «Abbiamo in essa [cioè nella versione del cod. Barbi] un’altra traduzione da aggiungersi alle quattro che conosciamo del sec. XIII? Non si può dire sicuramente, mancando nell’unico codice che conosciamo di quella di Soffredi del Grazia quasi tutto il trattato della Dilezione» (p. 251).

Indice della scheda


Bibliografia
Edizione/i di riferimento
Ciampi 1832 = Volgarizzamento dei trattati morali di Albertano giudice di Brescia da Soffredi del Grazia notaro pistojese, fatto innanzi al 1278. Trovato da Sebastiano Ciampi in un codice scritto nell'anno predetto ed ora da lui pubblicato per la prima volta con illustrazioni e la giunta del testamento in lingua volgare di donna Beatrice contessa da Capraja dell'anno 1278 , Firenze, per L. Allegrini e Gio. Mazzoni, stampatori arcivescovili alla Croce rossa, 1832.

Zaccagnini 1916 = Guido Zaccagnini, Soffredi del Grazia e il suo Volgarizzamento dei trattati morali d’Albertano da Brescia, in «Bullettino storico Pistoiese», XVIII (1916), fascc. 2-3, pp. 114-122.

Edizioni significative
Rolin 1898 = Gustav Rolin, Soffredi del Grathia's ▄bersetzung der philosophischen Traktate Albertano's von Brescia, Leipzig, Reisland, 1898.

Altre edizioni
Monaci-Arese 1955 = Ernesto Monaci, Crestomazia italiana dei primi secoli, nuova ed. riveduta e aumentata per c. di Felice Arese, Roma-Napoli-CittÓ di Castello, 1955.

Bibliografia filologica
D'Agostino 2001 = Alfonso D'Agostino, La prosa delle Origini e del Duecento, in Ciociola 2001, pp. 91-135.

Zambrini 1884 = Francesco Zambrini, Le opere volgari a stampa dei secoli XIII e XIV, Bologna, Zanichelli, 1884.

Altra bibliografia
Barbi 1901 = Michele Barbi, D’un antico codice pisano-lucchese di trattati morali [1901], in Id., La nuova filologia e l’edizione dei nostri scrittori da Dante al Manzoni, Firenze, Sansoni, 1938 (rist. 1973), pp. 243-259.

Ciampi 1808 = Memorie della vita di messer Cino da Pistoia raccolte ed illustrate dall'ab. Sebastiano Ciampi, Pisa, presso Ranieri Prosperi, 1808.

Faleri 2000 = Francesca Faleri, Il volgarizzamento dei trattati morali di Albertano da Brescia secondo il codice Bargiacchi (II.III.272). Edizione e glossario, Tesi di laurea discussa presso l'UniversitÓ degli Studi di Pisa, FacoltÓ di Lettere e Filosofia, a.a. 1999-2000.

Enciclopedie, repertori e cataloghi
Petrucci A. 1977 = Armando Petrucci, Catalogo sommario dei manoscritti del Fondo Rossi, sezione Corsiniana, Roma, Accademia Nazionale dei Lincei, 1977.

Indice della scheda