Ricerca nella pagina:
 
UniversitÓ del Salento, della Basilicata, di Catania,
di Torino, Scuola Normale Superiore di Pisa
UniversitÓ del Salento, di Catania, di Napoli "L'Orientale",
di Salerno, Scuola Normale Superiore di Pisa
SALVIt - Studio, Archivio e Lessico dei Volgarizzamenti Italiani

Anonimo

(? - ?)

Tristano (vers. riccardiana) (redaz.)

di Rosa Piro

Notizie generali

Volgarizzamento parziale di:
Anonimo, Roman de Tristan en prose (francese antico)

Datazione: 1276/1300
Lingua/Dialetto: fiorentino
Tipologia testuale: prosa
Genere: letteratura: (generale)


Tradizione dell'opera   (breve / estesa)
Tradizione diretta: manoscritti (5)
1. Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale, Panciatichiano, 33 = Fi BNC Panciat. 33

2. Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale, Palatino, 556 = Fi BNC Pal. 556

3. Firenze, Biblioteca Riccardiana, 1729 = FI BR 1729

4. Firenze, Biblioteca Riccardiana, 2543 = FI BR 2543

5. Wien (Austria), Oesterreichische Nationalbibliothek, 3325 = Wien, Oesterreichische Nationalbibliothek, 3325

Indice della scheda


Storia della tradizione
I testimoni utili alla ricostruzione del testo sono quattro (R, F, P, L) e tutti utilizzati nella prima edizione del testo, dovuta a Parodi 1896.
L'edizione di Scolari è stata preceduta, oltre che da quella già citata di Parodi e che aveva offerto un minuzioso spoglio del codice R, dalle edizioni di: Di Benedetto 1942 che aveva ammodernato la grafia del codice e apportato alcune correzioni all'ed. Parodi, di Arese 1950 che offriva un Tristano antologizzato così come l'edizione di Marti 1959.

Il manoscritto di base dell'edizione, R, era già stato scelto da Parodi come rappresentante di questa redazione del romanzo, tradizionalmente identificata come "riccardiana" (per la tradizione veneta cfr. Tristano veneto). La difficoltà, dovuta soprattutto a contaminazioni e interpolazioni, di raggruppare in uno stemma definito i quattro manoscritti, non impedisce, tuttavia, una divisione in due famiglie in cui si raggruppano da un lato R e P, e dall'altro F, L (Parodi 1896: pp. LX sgg. e Scolari 1990: pp.26-27).

I mss. R, F, L non tramandano le ultime avventure di Tristano né la morte del cavaliere e di Isotta, che sono contenute nel solo ms. P stampato in appendice, sia nell'edizione Scolari e sia Parodi, assieme alle varianti del codice V contenente la morte di Tristano (Scolari 1990: p.29).

Indice della scheda


Bibliografia
Edizione/i di riferimento
Scolari 1990 = Il romanzo di Tristano, a cura di Antonio Scolari, Genova, Costa e Nolan, 1990

Edizioni significative
Di Benedetto 1942 = La leggenda di Tristano, a cura di Luigi Di Benedetto, Bari, Laterza, 1942

Parodi 1896 = Il Tristano Riccardiano, edito e illustrato da Ernesto Giacomo Parodi, Bologna, Romagnoli-Dall'Acqua, 1896

Altre edizioni
Arese 1950 = Prose di romanzi. Il romanzo cortese in Italia nei secoli XIII e XIV, a cura di Felice Arese, Torino, Utet, 1950 (rist. 1967 e 1976)

Marti 1959 = Tristano Riccardiano, a cura di Mario Marti, in La Prosa del Duecento, a cura di Cesare Segre e Mario Marti, Milano-Napoli, Ricciardi, pp. 555-661 e 1092-93

Indice della scheda