Ricerca nella pagina:
 
UniversitÓ del Salento, della Basilicata, di Catania,
di Torino, Scuola Normale Superiore di Pisa
UniversitÓ del Salento, di Catania, di Napoli "L'Orientale",
di Salerno, Scuola Normale Superiore di Pisa
SALVIt - Studio, Archivio e Lessico dei Volgarizzamenti Italiani

Anonimo

(? - ?)

Missi (li) di divoccioni

di Orazio Croce

Notizie generali

Datazione: sec. XV
Lingua/Dialetto: siciliano
Tipologia testuale: poesia
Genere: letteratura religiosa (generale)


Tradizione dell'opera   (breve / estesa)
Tradizione diretta: manoscritti (1)
1. Palermo, Biblioteca Comunale, 4 Qq 30 = Pa BC 4 Qq 30

Indice della scheda


Storia della tradizione
Li missi de divoccioni è un rituale in versi (più che altro un elenco) che riporta il numero di messe che si solevano celebrare per devozione in occasione delle feste cristiane principali. È tramandato da un unico manoscritto che, secondo le indicazioni di Branciforti 1953, pp. 201-202, risulta inedito: Pa BC 4 Qq 30

Indice della scheda


Bibliografia
Edizione/i di riferimento
Branciforti 1953 = Francesco Branciforti, Regole, costituzioni, confessionali e rituali, Palermo, Centro di Studi Filologici e Linguistici Siciliani, 1953 (Collezione di testi siciliani dei secoli XIV e XV, 3).

Indice della scheda